Costigliole di Saluzzo (CN)

Impianto di Teleriscaldamento urbano a servizio di utenze residenziali, commerciali e pubbliche nel comune di Costigliole di Saluzzo (CN).

0kW

potenza elettrica

0kW

Potenza Termica Recuperabile

0kW

potenza termica nominale

Dati Generali

  • Combustibile usato: Olio Vegetale
  • Autorizzazione Provinciale: 3 aprile 2007
  • Emissioni in atmosfera: NOx < 450 mg/Nm3 ; CO < 300 mg/Nm3
  • 17 Utenze allacciate al 15-10-2012
  • Contrattualistica: a scelta del cliente a consumo o a forfait
  • Valutazione della CO2 annua risparmiata: 400 Tonnellate/anno

La rete di Costigliole Saluzzo

  • Tubazioni in acciaio preisolate
  • Ad acqua calda
  • Temperatura mandata: 90°C
  • Temperatura di ritorno: 60°C
  • Sviluppo scavo: circa 3 km (doppia tubazione)
  • Diametro dorsale principale: DN200

La centrale di Costigliole Saluzzo

La centrale di teleriscaldamento di Costigliole Saluzzo si trova in Via Cimitero e si sviluppa su una superficie totale di circa 1.050 mq in una posizione che determina un limitato impatto ambientale sia per quanto concerne l’aspetto visivo, sia relativamente alla ricaduta al suolo degli inquinanti.

La produzione energetica della centrale di Costigliole Saluzzo, è attualmente garantita da un motore endotermico della Jenbacher JMS 312 GS-N.LC di potenza elettrica pari a 625 kW e di potenza termica recuperabile pari a 735 kW e da una caldaia di reintegro/emergenza avente una potenza termica utile nominale di 1080kW.

All’interno della struttura della centrale che si sviluppa su una superficie di circa 180 mq sono presenti diversi locali:

  • Locale pompaggi, all’interno del quale sono presenti il collettore di distribuzione generale, le diverse pompe dei circuiti e la caldaia di reintegro/emergenza della Riello modello RTS 1000;
  • Locale motore, all’interno del quale è alloggiato il motore endotermico della JENBACHER modello JMS 312;
  • Locale trasformatore, all’interno del quale è alloggiato il trasformatore di tensione per le diverse utenze della centrale;
  • Locali cabine elettriche, all’interno dei quali sono presenti i diversi armadi contenenti i quadri elettrici necessari al controllo delle diverse apparecchiature dell’impianto;
  • Locali di consegna, all’interno del quale è previsto il punto di consegna verso la rete Enel.

Per ottimizzare l’efficienza energetica il motore non viene esercito sull’effettivo carico termico istantaneo della rete di teleriscaldamento ma è stato interposto un accumulo termico per svincolare la produzione energetica dal fabbisogno termico dell’utenza.

A tal fine Ecotermica Servizi ha predisposto un sistema in grado di accumulare l’energia termica recuperata dai motori nella fase di funzionamento.

Tale sistema, di capacità pari a 300 mc, non è altro che un serbatoio di accumulo che utilizza la stessa acqua calda della rete di teleriscaldamento. Il volume è dimensionato per poter stoccare tutta l’energia termica producibile dal motore esistente e da quello previsto dal progetto di ampliamento.

Si sta procedendo ad una modifica progettuale che prevede, entro Febbraio 2010, l’inserimento di una sezione cogenerativa alimentata ad olio vegetale (corrispondente alle specifiche normative per essere definita biomassa).
La nuova configurazione d’impianto prevede la sostituzione dell’attuale motore alimentato a gas metano da 625 kW elettrici con l’inserimento di un motore endotermico alimentato ad olio vegetale da 850 kW elettrici, accoppiato a un motore endotermico alimentato a gas metano da 150 kW elettrici.